Forum

Corpo libero, alime...
 

Corpo libero, alimentazione e stile di vita

15 Post
7 Utenti
0 Likes
9,285 Visualizzazioni
seltzi
Post: 17
Topic starter
(@seltzi)
Registrato: 12 anni fa

Periodicamente ritorno, e questo coincide con i momenti di maggior sconforto 🙂

Mi alleno a corpo libero in tutte le varianti possibili immaginabili in media 4 giorni a settimana (a volte anche di più). Lavoro a cedimento tecnico alternando -a caso :)- progressioni veloci/lente, piramidali etc... insomma punto a stancarmi per ogni serie tenendo sempre buona l'esecuzione.
Mi piace correre e lo faccio 1-2 volte a settimana.

Da 2 mesi mangio secondo il protocollo leangains (è una specie di warrior, filosofia intermittent fasting), per diversi motivi: non amo fare colazione, mi piace stare leggero durante il giorno, poco tempo a lavoro etc... quindi un primo pasto a pranzo leggero (riso, verdure fresche, pesce...) frutta durante il giorno e supercena la sera. Non mi pesa per niente.

Ho 30 anni, mi alleno "seriamente" da un paio, fino a 25 anni non ho praticamente mai fatto sport. Lo dico perchè forse in questo c'è una sorta di "memoria del corpo" che mi rende difficile sia acquisire massa sia perdere grasso.

Il fatto infatti è che con questo regime alimentare -e avendo anche incrementato la corsa- mi sarei aspettato di asciugarmi molto. Effettivamente ho perso peso, ma mi sembra di essere più "sottile" (la warrior dà questa sensazione di muscoli meno pieni) continuando a mantenere alcune zone di grasso e non riuscendo più a migliorare.
La sera, finito allenamento, evidenzio una buona struttura (nonostante addome e petto un po' ciccetti) però si vede che sono uno sportivo. Di giorno sembro un impiegato 🙂

Mi rendo conto che è più uno sfogo, e che forse non avete elementi per aiutarmi, ma il fatto è che cerco uno stile di vita globale che mi permetta di essere forte ed energico. E sulla carta, con le conoscenze da ridere che ho, mi sembrerebbe di aver impostato tutto bene:

Mi alleno a corpo libero in multifrequenza con cedimento tecnico.
Mi alimento in modo pulito, alternando anche momenti di digiuno, durante i quali dovrebbe aumentare la chetogenesi.

Con queste scelte che ho fatto il 90% del tempo mi sembra di migliorare, però quando ho questi momenti no si fanno sentire.... Con la quantità di allenamento e di sacrifici che faccio dovrei avere tutto un altro fisico! E poi penso che se invece di fare di testa mia mi infilavo in una palestra e bevevo uova a quest'ora (con tutti i sacrifici che ho fatto) ero un'altra persona!
NON VOGLIO essere massiccio, voglio avere un fisico "calistenico" (dai capitemi!) e asciugarmi.

Che fare??? grazie

14 risposte
Markino96
Post: 268
(@markino96)
Registrato: 10 anni fa

non ho le competenze di un nutrizionista, sia chiaro. però io comincerei a mangiare un po' più volte durante la giornata (colazione-spuntino-pranzo-spuntino-cena), con pranzo più abbondante della cena. dopo pranzo, con le attività che fai, dovresti bruciare ciò che hai mangiato a pranzo, mentre la sera, dal momento che vai a dormire, non bruci l'abbuffata che tu attualmente fai. ripeto che non sono un nutrizionista, ma questo mi suggerisce la logica e l'esperienza. spero che riceverai risposte più specifiche della mia 🙂

p.s. anche il fatto di allenarsi "a caso" non la vedo come una gran cosa. ci vuole programmazione e studio 🙂

Rispondi
Arjuna
Post: 39
(@arjuna)
Registrato: 12 anni fa

Ehehehe, ammetto che anche io qualche volta mi sono fatto le tue stesse domande.
Il problema, secondo me, è nel voler perseguire degli obiettivi estetici con metodologie che nascono per altri scopi.
Su queste pagine si discute spesso di come un allenamento "di qualità" abbia ANCHE effetti estetici. Anche, ma non principalmente.
Altrimenti tutti i bodybuilder (compresi quelli "altezza-peso") si darebbero alla ginnastica (o alla pesistica) e alla warrior. Invece no. Tutti scemi?
In effetti Steven Low, l'autore di "Overcoming Gravity", ha il fisico di un lanciatore di coriandoli.
Gli unici che ho visto ottenere dei cambiamenti fisici drammatici da allenamenti calistenici usavano volumi d'allenamento mostruosi (diverse ore AL GIORNO) e mangiavano come betoniere...

Rispondi
Paul
Post: 131
 Paul
(@paul)
Registrato: 12 anni fa

Quante volte corri a settimana? Per quanti chilometri? A che velocità media?

http://www.mappedometer.com/

Usa questo sito per tracciare il tuo percorso abituale e scrivi in quanto tempo lo fai; se vuoi levare la ciccia devi incrementare la corsa, 2 volte a settimana è il minimo sindacabile, 1 volta a settimana non da grandi benefici! 🙂

Il tuo primo obiettivo dovrebbe essere quello di raggiungere 1 ora di lavoro continuativo a bassa intensità, magari la fai già, facci sapere.

Rispondi
AirFede
Post: 25
(@airfede)
Registrato: 10 anni fa

Allora sono due le cose: o sei disposto a fare dei sacrifici ed adattare il tuo stile di vita a quello che vuoi raggiungere o sennò continui a fare ciò che ti piace e vivi sereno.

Personalmente non mi piace l'approccio delle diete simil warrior,peferisco un approccio più delle diete tipo paleo, dove riduci l'introito di schifezze, zuccheri e grani raffinati e mangi una notevole quantità di frutta, verdura, carne uova, ecc più volte al giorno, non ti da quella sensazione di pesantezza che può darti una quantità considerevole di carbo più complessi come pasta, pane ecc.

A questo proposito, la colazione è il pasto piu importante della giornata, dove il corpo ha bisogno di ricevere tutti i nutrienti. Ti fai un paio di uova, due foglie d'insalta 5-6 noci o mandorle, una capsula di olio di pesce ed hai fatto una buonissima colazione.

Per l'allenamento, sicuramente allenarsi a caso fino al "cedimento tecnico" non è la migliore delle soluzioni. Devi impostarti un percorso, una progressione, stimolare il tuo corpo ad adattarsi a carichi più pesanti, insomma non si può pretendere di fare 100 push up ed avere il fisico di un ginnasta!

Rispondi
seltzi
Post: 17
Topic starter
(@seltzi)
Registrato: 12 anni fa

Ciao, intanto grazie delle risposte!

@AirFede: metterei da parte il discorso alimentare, d'altra parte proprio tu dici "personalmente" e "preferisco".... purtroppo quando si entra in questi campi c'è ben poco da dire, ognuno ha le sue idee!!
Sul discorso della programmazione hai ragione, e ci farò un pensierino.

@Paul: avevo smesso e attualmente ho ripreso, adesso faccio uscite sui 5km a basso ritmo (sarò sui 5:50/6:00). Fino all'anno scorso correvo con molta motivazione (10km di media con uscite anche da 15/20km) e buon ritmo, purtroppo la sensazione che ho sempre avuto è che la corsa fatta in questo modo vada "contro" i sacrifici che faccio a corpo libero, ritogliendomi i muscoli 🙂

@Arjuna hai centrato il punto: sto quasi rassegnando che la gente che si vede su youtube più che altro "la racconti" e che dietro ci siano molte volte una giovane età, integrazione e come dici tu volumi insostenibili da una persona "normale".

Del corpo libero amo l'idea che si può fare ovunque, senza attrezzatura, e una certa idea di libertà (è più che altro qualcosa di mentale). Il fatto di allenarsi "a caso" (ho un po' esagerato) è certamente un limite, anche se il mio obiettivo, con questa frequenza ravvicinata e non a esaurimento, era di lavorare sui muscoli più o meno ogni giorno in modo da poterlo sostenere. Forse, anzi sicuramente, ho così allenato altre caratteristiche e non di sicuro forza e ipertrofia.

Devo riconsiderare tutto? Posseggo un bilanciere, 2 manubri e un sandbag (usati sporadicamente). Se qualcuno ha qualche proposta di programma da testare magari per un mese/due, accetto proposte: in questo momento ho un po' di sconforto.

Grazie a tutti 🙂

Rispondi
canotta
Post: 867
(@canotta)
Registrato: 13 anni fa
Se qualcuno ha qualche proposta di programma da testare magari per un mese/due

Questo è il vero problema volere i risultati e volerli subito
In un mese o due se sei bravo con il bilanciere impari la tecnica, poi viene il lavoro vero
Per avere risultati, seguendo ovviamente un programma valido, ci vogliono dai 6 ai 9 mesi. Un ragazzo che seguo qui sul forum ha preso 8 chili di massa magra in 9 mesi facendo solo panca, stacco e trazioni

Rispondi
Paul
Post: 131
 Paul
(@paul)
Registrato: 12 anni fa

Che esercizi hai praticato fino ad ora? Massimali? Con corpo libero potresti intendere un sacco di cose, dagli anelli alla pliometria, cosa fai di solito?

Rispondi
seltzi
Post: 17
Topic starter
(@seltzi)
Registrato: 12 anni fa

Non fraintendermi canotta: non cerco risultati immediati (d'altra parte non avrei fatto quello che ho fatto fino adesso :)). Con quel mese 1/2 intendevo vedere che il programma mi "sta addosso" e mi piace/ci sto dietro.

Quanto a tecnica non sono digiuno (ho fatto un anno di palestra, anche se non vuol dire) nel senso che cerco movimenti controllati, funzionali... non nel senso che sia tecnico , ma almeno provo a stare attento a come mi muovo.

Massimali il discorso è più complicato: non ho mai provato le serie a esaurimento (che immagino sia il modo per misurare i massimali in corpo libero). Tipicamente faccio set da 12-15 piegamenti in 4 serie alternando larghezze delle mani.
Trazioni sono su una 10ina con il palmi verso di me 6-7 presa prona e sempre una 10 con presa neutra (ho degli anelli fatti in casa).
Quando dico che vado a istinto significa che ad esempio nelle trazioni provo a dosare la difficoltà raccogliendo o distendendo le gambe, nei piegamenti mi metto su rialzi o cambio l'appoggio etc...

Rispondi
Arjuna
Post: 39
(@arjuna)
Registrato: 12 anni fa

Ehm... non prenderla come una critica (non so da dove partivi) ma se dopo due anni di allenamento "serio" fai 10 trazioni e 4x15 di piegamenti mi sa che qualcosa non va. Ed è abbastanza ovvio che tu non abbia visto grossi cambiamenti fisici.
A questo punto credo proprio che dovresti leggerti "Overcoming gravity" e similari e cominciare a programmare sul serio.

Rispondi
Arjuna
Post: 39
(@arjuna)
Registrato: 12 anni fa
Rispondi
seltzi
Post: 17
Topic starter
(@seltzi)
Registrato: 12 anni fa

Nessuna critica 🙂 Due cose:
come ho detto partivo "più indietro" di un ragazzino normale, perchè fino a 25 anni non avevo avuto cultura fisica di nessun tipo.

i numeri che ho indicato non sono esclusivi di un allenamento, sono un set che ripeto più volte alternandoli (tipicamente 3). La sostanza comunque non cambia: c'è stato un grosso cambiamento dal punto di partenza, ma non ci sono stati grandi cambiamenti nel periodo.

Ho guardato il documento che mi hai linkato: stabilisce gli obiettivi per ciascun livello, interessante.

Mi procurerò il libro che hai citato, posso chiederti perchè mi consigli proprio questo? E' perchè ti piace particolarmente o perchè secondo te rispetto all'approccio che ho potrebbe essere il più utile?

Grazie

Rispondi
Paul
Post: 131
 Paul
(@paul)
Registrato: 12 anni fa

Se vuoi concentrarti sugli anelli ti posto questi articoli, io mi alleno con i pesi ma a "naso" mi sono piaciuti molto! 😀

E poi Swarovski, l'autore del primo e dell'ultimo, è molto gentile e disponibile, se hai dubbi interverrà sicuramente 🙂

http://www.rawtraining.eu/lavori-specifici/la-forza-agli-anelli/

http://www.rawtraining.eu/lavori-specifici/front-lever-tutorial/

http://www.rawtraining.eu/fondamenti/vuoi-correre-parliamone/

Rispondi
Paul
Post: 131
 Paul
(@paul)
Registrato: 12 anni fa

Per il discorso della corsa, una volta acquisita una buona base aerobica (che dovresti già avere) se ti concentri su allenamenti più "intensi" tesi ad aumentare VO2max come le ripetute, di massa ne perdi poca, al più ne guadagni nella parte inferiore del corpo, che con il solo corpo libero tende ad essere un po trascurata!

Ciao!

Rispondi
Ceccherini
Post: 193
(@ceccherini)
Registrato: 11 anni fa
Ehm... non prenderla come una critica (non so da dove partivi) ma se dopo due anni di allenamento "serio" fai 10 trazioni e 4x15 di piegamenti mi sa che qualcosa non va. Ed è abbastanza ovvio che tu non abbia visto grossi cambiamenti fisici.
A questo punto credo proprio che dovresti leggerti "Overcoming gravity" e similari e cominciare a programmare sul serio.

Sottoscrivo e aggiungo: comincia a misurare. Testa i massimali sui tuoi esercizi, pesati, misura la percentuale di grasso, fai un test di Cooper, ecc.. Quando hai dei valori di riferimento si può iniziare a discutere su cosa fare per migliorare.

Rispondi
Pagina 1 / 2
Condividi: