Forum

Ileopsoas

Pagina 1 / 2

AndreaKB
Post: 386
Topic starter
(@andreakb)
Registrato: 11 anni fa

Lo stretching dell'ileopsoas è utile per migliorare la rack?! Sia quello che origina dalla cresta iliaca che quello originato dal rachide si allungano e contraggonono nello stesso modo?!

19 risposte
SimoMi
Post: 12
(@simomi)
Registrato: 11 anni fa

Migliorare la Rack?

Rispondi
AndreaKB
Post: 386
Topic starter
(@andreakb)
Registrato: 11 anni fa

Si, migliorare nel senso che facilita la mobilità in rack.. e quindi si riesce a riposare meglio. secondo me potrebbe aiutare, poi non so!

Rispondi
Visione
Post: 1456
(@visione)
Registrato: 12 anni fa

Rack position

Bella domanda, l'ileopsoas è uno di quei muscoli con cui non avresti mai voglia d'avere a che fare. Perchè?
Perchè ad oggi non si capisce ancora bene come funzioni. Tutti convergono che sia un flessore dell'anca. Per capirci quando fate le scale e tirate su la coscia. Per tutte le funzioni accessorie ogni testo d'anatomia dice la sua.

Per anni è stato indicato come uno dei maggiori responsabili dell'iperlordosi lombare.

In realtà non è sempre così ma può fare anche il suo contrario cioè cifotizzare. Questo dipende dal punto fisso. Se il punto fisso è l'inserzione (piccolo troccantere) lordotizza, ma se il punto fisso è l'origine (D12-L5, grande psoas) cifotizza.

Così anche nel suo intervento in rack la risposta non diventa così certa.

2 punti mi sento di consigliarti

1) Se fai stretching stai attento a non lordotizzare ma appiattisci la schiena , qua per esempio stai allungando l'inserzione ma accorci l'orgine

2) Tutti gli aumenti di ROM devono essere compensati da un aumento di forza nel nuovo tratto. è inutile diventare più lunghi se non si ha forza lungo tutto l'allungamento.

Per maggiori informazioni su quanto trattato metto un mio vecchio articolo
http://www.kettlebellinvictus.it/contrazione-o-allungamento-ma-siamo-sicuri/

Rispondi
AndreaKB
Post: 386
Topic starter
(@andreakb)
Registrato: 11 anni fa
qua per esempio stai allungando l'inserzione ma accorci l'orgine

Fermo lì!!! 🙂
Allora.. ecco il dubbio che mi tartassa!!! Nell'immagine della signorina, da quello che ho capito, nella gamba destra si allunga l'inserzione dello psoas.. mentre nella gambe sinistra si contrae l'origine. Giusto?? oppure nella gamba destra si allunga l'inserzione e si accorgia l'origine? o.O

Rispondi
alextrashmetal
Post: 179
(@alextrashmetal)
Registrato: 11 anni fa

Provo a dare i miei 2 cent,in poche parole.
Ma prendetelo per quello che è....una intuizione,non uno studio ne considerazioni con bibliografia annessa.....

Seduti in posizione crunch,per esempio, quindi svincolato sia a livello plantare ,sia dorsale, l'ileopsoas avvicina femore e bacino vicendevolmente ,al punto che è difficile dire chi si avvicina di più,essendo comunque entrambe masse importanti (la coscia ed il bacino) .

In posizione di rack,invece,con piede vincolato al suolo,avere un ileopsoas rilassato e comodo nella posizione di allungamento (cioè con un tono basale minimo....) , non mette al riparo dal piegare le ginocchia.

Credo cioè che l'ileopsoas si stiri già per il solo fatto di starci in rack...standoci in modo rilassato.
Un quadricipite che tira invece,mette in moto una serie di aggiustamenti che poi coinvolge anche l'ileopsoas, mettendo tensione,anche a causa della fatica che sopraggiunge anzitempo specie sul quadricipite.

A tal proposito quindi,credo sia più utile stirare il quadricipite,ed allenarsi a tenere le ginocchia tutte (per quanto possibile ) estese..... credo sia più importante che stirare lo psoas in se.

Poi ,ovvio che se ho uno psoas retratto,questo cambia la postura anche nel quotidiano....quindi,al di là dello sport in se,andrebbe trattato a prescindere.

Rispondi
lcvl
Post: 211
 lcvl
(@lcvl)
Registrato: 11 anni fa

Per me è imprescindibile.
Soprattutto dopo qualche ora seduto davanti al PC, se non lavoro un po' l'ileopsoas è praticamente impossibile stare rilassato in rack.
Lo stiramento che preferisco è questo, con la gamba davanti elevata. Al limite aggiungo anche braccia overhead e torsione del torso.
[url]www.youtube.com/watch?v=K5TMNxrn5cI[/url]

Rispondi
ramone79
Post: 65
(@ramone79)
Registrato: 11 anni fa

ognuno di noi potrebbe valutare la sua situazione eseguendo il facile test di Janda.

con questo test è facile notare se un ileopsoas è contratto o pure no.

Quindi AndreaKB, esegui questo test così puoi valutare se andare a lavorare su quel muscolo oppure no.

Rispondi
Visione
Post: 1456
(@visione)
Registrato: 12 anni fa

@Andrea Lascia stare la gamba sinistra, l'origine è sulle vertebre lombari li devi guardare, se estendi l'anca ma aumenti la lordosi allunghi da una parte accorciando dall'altra.

Ora altro problema come giustamente ti consigliava Ramone79 è quello di capire se il muscolo è accorciato o il muscolo sopporta male la tensione e si irrigidisce. Per capirci io sono quasi sicuro che test alla mano risulta che hai un buon range , poi magari mi sbaglio. Però magari quando fai l'esercizio il muscolo legge male la tensione e si contrae.

é la stessa cosa che avviene con gli ischiocrurali nello squat. Fai il test e la persona ha un range nella normalità. Gli fai piegare gli arti con del peso sulla schiena e i femorali rispondono alla tensione accorciandosi prematuramente.

Rispondi
Enri
Post: 14
 Enri
(@enri)
Registrato: 11 anni fa

"é la stessa cosa che avviene con gli ischiocrurali nello squat. Fai il test e la persona ha un range nella normalità. Gli fai piegare gli arti con del peso sulla schiena e i femorali rispondono alla tensione accorciandosi prematuramente."

E quindi in questi casi cosa consigli? Stretching attivo, tanto volume?

Rispondi
Visione
Post: 1456
(@visione)
Registrato: 12 anni fa

Stretching attivo in cui lavori allungando il muscolo sotto tensione, si fa bene in due da solo è un casino. Nel tuo caso Enri tanto lavoro di squat a corpo libero e metti le scarpe da pesistica 😉

Rispondi
Enri
Post: 14
 Enri
(@enri)
Registrato: 11 anni fa

Sì a corpo libero metto anche le fasce alle ginocchia.

Rispondi
ramone79
Post: 65
(@ramone79)
Registrato: 11 anni fa

che vantaggi si hanno con le scarpe da pesistica? scusate so che non è la discussione giusta...mi interessa soprattuttoVisione quando dici: tanto lavoro di squat libero e metti le scarpe da pesistica.

Poi un'altra cosa: perchè un mescolo "non rigido" si dovrebbe irrigidire sotto tensione?

grazie.

Rispondi
Enri
Post: 14
 Enri
(@enri)
Registrato: 11 anni fa

Ramone79 credo che la sua fosse una battuta nei miei confronti perché ho lavorato molto per tenere l'iperestensione nello squat facendo molto volume con carichi molto bassi.

La sua battuta era riferita ai carichi molto bassi che ho usato.

Poi le scarpe da pesistica aiutano molto alla stabilità e danno una mano anche ad iperestendere.

Rispondi
Visione
Post: 1456
(@visione)
Registrato: 12 anni fa

Le scarpe da pesistica hanno diversi vantaggi oltre la stabilità e il miglior trasferimento della forza della spinta.

1) avete presente questo?

Ovviamente mi riferivo alla macchina.
Perchè le donne si mettono i tacchi?
Perchè fa uscire il culo
In soldoni manda il bacino in antiversione. E l'antiversione è propedeutica a tutte le alzate.
Faccio notare che c'è chi scrive che nello swing il bacino deve andare in retroversione. Ovviamente quando lo fa è in antiversione per cui siamo al livello che non si conoscono neanche i termini che si usano.

2)Toglie il problema della tibiotarsica

Così se ci si vuole concentrare per bene dove si gioca la partita (estensori del bacino), le scarpe da pesistica danno un aiuto importante.

Un muscolo diventa rigido quando si allunga perchè fusi e Golgi non riescono a leggere la tensione. Partono i fusi e il muscolo si contrae. Per questo ormai è di dominio pubblico, vedi testo NSCA, ISSA, che il miglior allungamento è soltanto quello che preserva la forza nel range d'azione. Faccio un esempio.
Stessa mobilità:

forse due gradi differenti di forza.

Nel nostro caso senza andare a range così estremi più del 50% delle volte il problema è di forza/propriocezione non d'allungamento. La persona si sedie sul cesso in antiversione, fa lo squat col bastone in retroversione. Il corpo non legge il nuovo schema motorio e i muscoli si contraggono per difesa

Rispondi
Pagina 1 / 2
Condividi: