Il sistema di carrucole: un attrezzo incredibile di supporto al calisthenics

di Alex Zinchenko

azinchenko
azinchenko

Alex Zinchenko è un personal trainer specializzato nell'allenamento della forza. E' proprietario e fondatore del sito RoughStrength.com, un'ottima fonte di informazioni riguardante il fitness, spesso presentate anche con l'obiettivo di promuovere uno stile di allenamento che si discosta dal mondo delle palestre e dagli schemi "classici".

4 commenti
andrea dice:

Bellissimo!!
Sarebbe interessante sentire da qualche veterano del corpo libero se ha trovato più utile un approccio di questo tipo oppure si è avvicinato alle skill con le loro versioni facilitate, ad esempio gambe raccolte nel front lever ecc.
Personalmente trovo il sistema sopra descritto forse più misurabile rispetto al procedere con le versioni facilitate.
Cioè se tolgo un chilo dalla zavorra, so di essere più preciso. Mentre magari pur raccogliendo le gambe in un front lever, oggi magari le ho raccolte più di ieri. Il braccio di leva è più difficile da gestire in quanto a precisione.

swarovski dice:

in generale il sistema a carrucole si usa per fare volume in esercizi di un intensità tale da non permetterlo. Non sono ne sostituti ne surrogati, diciamo complementi.
In obiettivo tenute isometriche comunque è meglio rifarsi alla soluzione usata nelle palestre di ginnastica e che anch’io ho cannibalizzato.
[url]http://www.rawtraining.eu/attrezzatura-homemade/welcome-to-my-game-room/[/url]

andrea dice:

Ieri sera ho provato un po’ con una sola carrucola. Ad un primo esperimento, per togliere peso al mio corpo, ho trovato più efficace legare alla zavorra una maniglia e afferrarla con la mano che non lavora, piuttosto che legare la corda all’imbragatura.
Parlo di trazione monobraccio.
Legati all’imbragaura si creano fastidiose oscillazioni che in realtà nel movimento non ci sarebbero. Inoltre si procede a scatti. Tutto questo si nota anche nel video dell’autore dell’articolo.

Bomb Jack dice:

Già l’avevo adocchiato tempo fa: serissimo. 😉
Grazie a chi ce l’ha portato e tradotto.

Lascia un commento