2011 Giants Live-London Qualifying Tour: Shaw si assicura un posto al WSM

di Elizabeth Hammond

eHammond
eHammond

Elizabeth Hammond riveste l'incarico di vice presidente di IronMind dal 1990. Sfruttando il suo background legato prevalentemente al settore del publishing, ricopre anche il ruolo di production editor per tutti i libri e i cataloghi pubblicati da IronMind, nonchè per la rivista Milo, da anni punto di riferimento mondiale per l’allenamento della forza. Sposata con Randall Strossen, presidente di IronMind, Elizabeth nel corso degli anni ha spesso accompagnato il marito presenziando a numerosi eventi legati al mondo degli sport di potenza e scrivendo numerosi reportage delle più prestigiose competizioni.

13 commenti
checco checco dice:

Bell’ articolo……pero’ nonostante mi piace vederli…..non li considero veri atleti….PERCHE’???? Perche’ ce troppo doping immezzo…….quindi tutto cambia……non si puo’ capire bene i percorsi.
Mi impressiona di piu’ atleti piu’ piccoli ma presumibilmente puliti che questi giganti.

adogruzzaq dice:

Aimè concordo.
Però articolo davvero interessante.

Esistono in circolazione le schede di allenamento ( magari le programmazioni) dei più famosi atleti strongman? Io ho sempre trovato, sul Web, pochissima roba.

zalex5 dice:

@Uther: sinceramente anche noi non abbiamo trovato molto, ma dato che su Milo vengono pubblicati spesso articoli che hanno a che fare con lo strongman (o con gli Highland Games) cerchermo alla prima occasione di tradurre qualcosa in merito (anche a noi interesserebbe molto l’argomento).
Se dovessi trovare qualcosa di interessante sulle programmazioni strongman (anche in Inglese) faccelo sapere ! 😉

deadboy dice:

Metto alcuni link per Uther:

[URL]http://asp.elitefts.com/qa/training-logs.asp[/URL]

[URL]http://asp.elitefts.com/qa/training-logs.asp?tid=199&__N=Steve%20Pulcinella[/URL]

[URL]http://muscleandbrawn.com/tag/strongman/[/URL]

Piani di allenamento veri e propri non se ne trovano. Solo workout settimanali o articoli. Il massimo che puoi trovare sul piano della programmazione sono i diari di allenamento degli strongman. Ma, come detto, sopra, buona parte di loro sono gorilla dopati, perciò la loro programmazione non ti servirebbe a nulla. In passato, però, avevo cercato informazioni anch’io in merito e avevo letto che molti si allenavano con le logiche del metodo westside, almeno nelle alzate col bilanciere.

deadboy dice:

Cavolo, mi ha messo i link alla cavolo di cane. 🙁

Grazie deadboy!
In effetti trovare una vaga programmazione in percentuali su un qualsiasi sito americano, che sia di powerlifting, bodybuilding o affini, è una sorta di utopia!

deadboy dice:

Questi scendono in cantina e si mettono a spostare pietre che pesano più di loro. C’è poco da programmare 🙂
Il fatto è che sanno quando è la loro prossima gara e conoscono già le prove in cui si dovranno cimentare, perciò molti di loro si limitano ad allenarsi in quelle singole prove. La panca, le tirate, gli squat, gli stacchi, i press, sono tutte alzate complementari per loro. O, almeno, io ho questa impressione. Per la parte col bilanciere c’è chi si allena con il metodo westside, chi con il 5/3/1, chi con altri programmi di powerlifting, chi fa le alzate olimpiche. Insomma, c’è di tutto. E’ per questo motivo che fatichi a trovare un piano di allenamento vero e proprio. Ne possono seguire uno solo per le alzate col bilanciere, ma per le pietre e le altre cose non credo. Penso si limitino a simulare le prove della gara nel luogo in cui si allenano.

chri79 chri79 dice:

ha ragione deadboy…conosco un ragazzo qui dalle mie parti che è uno strongman: in palestra fa senza troppe programmazioni esercizi multiarticolari col bilaciere (i soliti che ttt noi amiamo…), sempre pesanti, massimo 4-5 ripetizioni per serie; poi fa un sacco di prove strongman a casa sua coi tronchi, i sassi ecc… e va a correre 2-3 volte a settimana

chri79 chri79 dice:

comunque il migliore rimarrà sempre pudzianowsky!!!!!!

pericle pericle dice:

Per chi fosse interessato ad un allenamento strongman… su youtube se scrivete “viking power svend karlsen” trovate un documentario diviso in 6 parti (circa un’ora di filmato) con la preparazione di Svend Karles per i mondiali!! io l’ho trovato interessante… La cosa che mi ha lasciato allibito (e se ne parla anche nell’articolo) è vedere l’apollo’s axle a presa inversa!!! Sti xxxx!

deadboy dice:

Ahahah! VIKING POWER!!! 😀
Grazie del link.

deadboy dice:

Nell’ultimo video dei 6 si vede anche il segreto della sua forza e delle sue straordinarie capacità di recupero: “All comes from three basic meals and supplements”. Tradotto: proteine e pillole colorate.
VIKING DOPING!!! 🙂

Lascia un commento