Stretching dinamico

di Silvio Pinna

spinna
spinna

Silvio Pinna, chinesiterapista specializzato Back School. Personal trainer certificato presso enti internazionali. Allenatore di weighlifting, powerlifting, bodybuilding, ghirisport e crossfit presso le scuole nazionali più rinomate. Titolare e direttore tecnico del centro polifunzionale "Dolmen Fitness Club" Alghero. Impegnato da sempre nello studio della scienza alimentare e programmazione dell'allenamento, svolge l'attività di Divulgatore ed Educatore sulle tematiche suddette tramite articoli e seminari monotematici dove insegna e promuove "un corretto stile di vita". Conduce inoltre un aggiornamento costante nel settore marketing, gestione e comunicazione del fitness. Coltiva questa passione con un sogno nel cassetto: capire la natura, l'ambiente che ci circonda, esaudire la sete di conoscenza. www.dolmenfitnessclub.com

4 commenti
orsettoKT dice:

Bell’articolo! Capita proprio in un periodo in cui cercavo info sullo stretching.

giopon dice:

interessante come si converga verso programmi di lavoro similari!
Unico appunto, mancano le indicazioni per il rock up squat, spero che vi possa essere utile il tutorial: http://www.youtube.com/watch?v=qEoPbz7zhN0
Una considerazione personale su questo ultimo esercizio, attenti alle ginocchia, a volte l’entusiasmo porta a macinare ripetizioni, col rischio di infiammare l’articolazione.

Bomb Jack dice:

L’articolo è molto interessante e ben spiegato, ma non ho capito se tutti gli esercizi spiegati alla fine vanno eseguiti con quella routine detta più su (2-6-2-0+pliometrico) o sono degli esercizi in cui staticamente va ricercata quella posizione particolare nel maggior allungamento possibile.

Inoltre: ma il PNF nion era un metodo statico (cioè si contraeva per ristirare il muscolo e tenerlo così per x secondi)?

In quanto stretching dinamico (dipende dalla risposta alla prima domanda), va eseguita quella routine a circuito [b]prima[/b] di ogni allenamento?
E, se si, alla fine non consigli dello stretching statico? (magari PNF con/o le tenute di quelle posizioni spiegate nell’articolo in massimo allungamento possibile)

Silver dice:

Grazie a tutti per i commenti e complimenti … esatto! tutti gli esercizi vanno eseguiti con la tecnica dei 6” nella fase di massima escursione articolare, mentre l’ultima serie in modalità pliometrica… non esiste nulla del genere in letteratura, la serie pliometrica finale è un mio tentativo di mettere nella pratica i consiglio di Verk. nell’ultima serie findamentale è l’eccentrica attiva con riduzione del tempo di stasi isometrica. Il PNF è statico ma si può abbinare al lavoro dinamico come lo propone De Angelis. Consiglio di eseguire la Routine a fine allenamento, ovvio che si può abbinare dello statico, ma il dinamico in base alle mie letture e sperimentazioni dovrebbe essere più efficace.

Lascia un commento