German Volume Training

di Charles Poliquin

cPoliquin
cPoliquin

Nato ad Ottawa in Canada, Charles Poliquin dopo aver conseguito la laurea in "Exercise Physiology", ha iniziato la sua attività di coach che è proseguita negli anni attaverso una strada costellata di centinaia di medaglie, vittorie e primati personali per i numerosi atleti che si è trovato ad allenare. Quando una nazione vuole vincere una medaglia arriva da Charles. Spesso acclamato come uno dei migliori Strength Coach del mondo, ha trascorso diversi anni a studiare su riviste europee (parla correntemente Inglese, Francese e Tedesco) e a parlare con altri Coach e scienziati nella sua costante ricerca tesa ad ottimizzare i propri metodi di allenamento. Avendo perfezionato negli anni la sua arte di scrivere programmi di allenamento efficaci, i suoi libri e i suoi corsi sono il risultato delle teorie e delle conoscenze che ha accumulato. Tra i suoi innumerevoli successi va ricordato che tra gli olimpionici da lui allenati sono presenti atleti che hanno conseguito medaglie in 17 sport diversi (tra cui dieci detentori di record mondiali). Sul suo sito potete trovare tutti i riferimenti ai suoi libri e ai corsi organizzati per il conseguimento della sua famosa certificazione (P.I.C.P. - Poliquin International Certification Program)

4 commenti
tylerdurden tylerdurden dice:

Complimenti per l’articolo.
Avrei due domande però, la prima, al posto del chin-up, cosa potrei fare? devo ancora costruirmi la barra per le trazioni…
la seconda…questo esercizio, i flies, non lo conosco affatto, chi mi può dire in breve cos’è?? magari lo conosco con un altro nome…come il chin-up, che per me sono trazioni!!

Silent dice:

Buongiorno Mr Durden.
Al posto dei chin-up (sono le trazioni con il palmo delle mani rivolto verso il corpo) puoi eseguire i rematori oppure i bodyrow. I flies sono le croci. Certo eseguite agli anelli diventano tutta un’altra cosa 🙂

tylerdurden tylerdurden dice:

buongiorno Silent e complimenti per i video dimostrativi realizzati con i kettlebell!!
Grazie inanzitutto per i consigli preziosi!
Si i bodyrow potrei farli anche posizionando il bilancere sul rack e stendendomi a terra…
un’ultima domandina…le serie del gruppo B che sono un lavoro supplementare e quindi con poche ripetizioni, come dovrei regolarmi con l’aumento del peso?
Nel senso, lo aumento comunque quando riesco a completare tutto o lascio un peso stadard per tutta la durata del primo ciclo?
Grazie ancora per l’aiuto!

zalex5 dice:

Attendendo la risposta di Silent … io ti posso dire che a seconda degli esercizi che scegli per il gruppo A questo programma può essere davvero massacrante (propone un volume molto elevato). Per questo motivo dopo 100 ripetizioni difficilmente riuscirai a spingere molto sui complementari. Il mio consiglio è di tenere il peso fisso e di lavorare sopratutto sui tuoi punti deboli senza aver paura di fermarti prima nelle sessioni in cui hai già dato tutto.

Il gruppo B lo terrei appunto per lavorare sui punti deboli o per perfezionare la tecnica di esecuzione (anche se in questo secondo caso abbasserei molto il carico perchè dopo il gruppo A è facile trovarsi a corto di energie 😀 )

Lascia un commento