Forum

Fiato e potenza

Pagina 3 / 3

Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

Nì il problema è che una qualche produzione di acido lattico è quasi sempre presente nel lavoro alattaccido perchè i tre sistemi energetici sono paralleli e non sequenziali.

Per fare seriamente interval training con delle velleità scientifiche occorre misurare il consumo di ossigeno ed il lattato prodotto, se no è tutto molto molto fumoso, sicuramente nel protocollo tabata 20/10 la produzioni iniziale di lattato è minore rispetto a fare intervalli 30/30

Mi sembra un pò strano che tu senta gli sprint da 12" come poco metabolici.

Gli scatti in salita sono un mondo apparte, e pensare che possano sostituire il lavoro di pesistica è una grossa semplificazione, solitamente ci si fanno dei lavori specifici per l'accellerazione però ci si può fare anche resistenza alla potenza, si può fare con qualsiasi tipo di scatto breve.

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Non dovrebbe essere il contrario? Cioè, dovrebbe essere nel tabata che accumuli più lattato, essendo il rapporto lavoro-recupero 2:1 a favore del primo.

Si, ho sbagliato ad esprimermi, non è vero che non sono metabolici, è che il recupero completo non porta ad accumulo di lattato, ergo li vedo appunto meno metabolici e più neuronali. Poi però ovvio, essendo degli intervalli, il lavoro metabolico c'è.
Più che altro la stanchezza in questi intervalli prima che fisico-metabolica è neurale (almeno per me).
Comunque proprio perché non c'è produzione di lattato, li vorrei inserire per poter allenare il SE Alattacido.
E più che agli scatti in salita, pensavo anche a vogate/pedalate vigorose.
Unica cosa: la FC che battiti dovrebbe raggiungere in questi intervalli?

Il mio obbietivo sarebbe quello difatti di allenare:
SE AEROBICO: con lavori tra soglia aerobica e anaerobica + lavoro ad intervalli in soglia per incremento d quest'ultima.
SE ALATTACIDO: con appunto intervalli da 8-12", rec completi (fino a che la FC non scende ad un determinato battito) , per poi passare a 15/20" e rest incompleti.

Lavorare il lattacido in maniera specifica più avanti, quando anche il SE ALATTACIDO sarà migliorato/allenato.
Io per lattacido intendo lavori come 30/30, 60/60-90, e tutti i lavori sul VO2 max (tabata, e ripetute sui 3'-4').

Non so magari sto dicendo delle fesserie e il mio discorso non fila, e quindi dovrei soltanto passare/alternare allenamenti aerobici estensivi-intervallati estensivi (es intervalli di 5-8-10' con recuperi della metà del tempo) ad intervalli per il vo2max che durano meno.

Rispondi
Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

No perchè il processo di produzione del lattato non è lineare nel tempo, così come il suo smaltimento: il grosso della produzione di lattato comincia quando finisce il grosso delle riserve anaerobiche alattacide quindi dopo 15 secondi circa (in relazione all'intensità dello sforzo) mentre lo smaltimento del lattato avviene tramite reazioni chimiche la cui velocità è intrisecamente concentrazione dipendente quindi all'inizio del recupero dovresti smaltire più rapidamente il lattato.

Sì sì il piano può funzionare però assicurati di avere una buona base aerobica prima di iniziare il lavoro ad intervalli perchè l'efficienza del recupero durante le pause è legata proprio all'efficienza del sistema aerobico.

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Okok grazie mille!

1) per buona base aerobica intendi una FC minima a riposo?
2) ritieni invece più corretto,proseguire in questo ordine: lavoro per capacità aerobica (gittata sistolica e soglia) ---> potenza aerobica (vo2max) ---> potenza resistente alattacida -----> pot resistente lattacida ?

Rispondi
Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

Non solo
in questo articolo ci sono un pò di esempi,
http://www.rawtraining.eu/metodi-e-programmazione/strength-conditioning-per-mma-sdc-parte-1/
da altre parti ci sono altri esempi
In generale è meglio usare dei test che siano abbastanza diversi da come ti alleni per ridurre il rischio che la specializzazione aggiuntiva data dall'allenamento non falsi il valore del test. Tipo se ti alleni sempre e solo con il rematore il test per la capacità aerobica fallo con la corsa così sei sicuro che gli adattamenti specifici che hai sviluppato per il rematore non influenzeranno il test per la capacità aspecifica.

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Okok,

2) ritieni invece più corretto,proseguire in questo ordine: lavoro per capacità aerobica (gittata sistolica e soglia) ---> potenza aerobica (vo2max) ---> potenza resistente alattacida -----> pot resistente lattacida

A questo proposito cosa mi consigli?

Rispondi
Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

Sì può funzionare. Comunque non mi fossilizzerei troppo sulle singole denominazioni.
Inserirei, all'inizio una o due sedute di forza massimale e forza resistente

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Okok perfetto!
Quindi dopo aver passato del tempo ad allenare capacità aerobica, posso introdurre allenamenti per il vo2max come tabata e il 30/30. Poi passerò alle ripetute sui 3'-4' che sono anche più lunghe rispetto ai primi.

Più che altro il mio obb é allenare il sistema anaerobico ora.
L'unica cosa che voglio sapere é se é meglio, una volta introdotti gli interval training, approciarsi con intervalli lattacidi o alattacidi.

Rispondi
Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

ehm no
il tabata o l'interval training non è un metodo per il solo VO2Max, il VO2Max lo alleni anche nella vase aerobica e con il fondo lento.

Dipende dai tuoi obbiettivi, in linea di principio non c'è un meglio in assenza di obbiettivi specifici e non c'è nemmeno una progressione temporale stringente perchè in entrambi i casi il sistema di "supporto" è quello aerobico

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

In qualsiasi interval training è richiesta una buona base aerobica quindi, perché appunto il sistema di supporto è appunto quello aerobico.
Inserirò comunque allenamenti più anaerobici e li alternerò a quelli aerobici.
Ormai ho assodato che cmq sia gli interval sui 8-12", sia il tabata, sia il 30/30 sono alla fine interval training anaerobici, che però necessitano di buona base aerobica.
Quindi fungono da allenamenti per migliorare il conditioning legato all' endurance.

PS: già ieri ho provato il 30"/30" (x un tot di 15' complessivi) con 20' riscaldamento e 10' defaticamento. Tosto, ma ho tenuto botta abb bene!

Ps2: credo di aver capito (almeno x me) che nel mesociclo si possono inserire vari tipi di interval (a seconda dell' abilità che si desidera allenare e migliorare) ma bisogna cmq lasciare sempre allenamenti di fondo lento/progressivo.

Rispondi
Ermenegildo
Post: 467
(@ermenegildo)
Registrato: 11 anni fa

ps2: in realtà sul mesociclo c'è un pò più di libertà, un mese senza fondo lento lo puoi anche fare e magari ti permette di spremerti un pò di più sull'anaerobico.

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Ah ok, grazie, non lo avrei mai detto, anche perché gare fare un mese di soli interval training mi sembra bello tosto.
Comunque oggi l'ho sentito un po l'interval training di ieri, non tanto a livello locale, quanto propio a livello sistemico.

Rispondi
Apollo
Post: 109
Topic starter
(@apollo)
Registrato: 6 anni fa

Ermenegildo, ho letto un bel articolo sul project invictus, dove in pratica si suggeriva di non eseguire solo allenamento aerobico, ma anche allenamento vs resistenze per non "prosciugarsi" la muscolatura.
Quindi vorrei iniziare ad introdurre tale allenamento vs resistenze per mantenere ed incrementare la muscolatura, e poi perché secondo me è giusto non crepare dopo tre rampe, ma nemmeno essere "svuotato" tipo maratoneta.
Quindi vorrei iniziare da due esercizi semplici come Push up e air squat (visto che dici che questi due poi hanno "transfer sul Burpees) come schema cosa consigli?
Non ho intenzione di iscrivermi ad una palestra, ne ho tempo di apprendere pamca back squat e stacco.
Il BW lo,preferirei perché so di certo che sarei costante nella pratica

Rispondi
Pagina 3 / 3
Condividi: