RawTraining

Il dilemma degli scatti in salita e sulla sabbia

Pagine totali: 1 [1 ]
  1. caposaldo ha scritto:
    17 dicembre 2017

    Salve a tutti.
    Volevo organizzarmi un programma,in cui ci sono anche delle sessioni di AMRAP ed EMOM ma ho un dilemma che solo voi potete risolvere.volevo inserire delle ripetute in salita e in
    spiaggia ma non saprei come quantificarle a livello di intensità.Mi spiego;la salita ha molti fattori,la pendenza,la durata dello scatto.per la sabbia chiaramente sabbia asciutta é da considerare solo la durata.es:in salita da 2-4% o sabbia asciutta é paragonabile ad uno sforzo power endurance?submaximal power endurance?speed strenght endurance?Grazie a tutti.

  2. zalex5 ha risposto:
    18 dicembre 2017

    Ciao Caposaldo,
    ti consiglio di leggere attentamente tutti gli articoli di Alain Riccaldi (sia sul nostro sito che su AIF e Project Invictus) e di calibrare l'intensità dello sforzo utilizzando un cardio frequenzimetro (rapportando il tutto percentualmente rispetto alla tua Fmax): è impossibile infatti stimare a priori il livello di intensità di un esercizio (tutto è rapportato al livello dell'atleta).
    Sarà sufficiente fare qualche test con il cardio per capire l'intensità delle ripetute nei vari contesti.

    Buon allenamento :-)

  3. caposaldo ha risposto:
    19 dicembre 2017

    Quindi se per esempio faccio delle ripetute sui 60m in spiaggia o salita per 20" e il mio cardio freuenzimetro si trova sui 170 e calcolando che quando ci ritorneró dopo che ho concluso il giro passano + - 1' devo considerarlo anaerobico alattacido in capacità?
    Ci sono? O non c'ho capito una mazza?
    Grazie a tutti per la gentilezza di rispondermi e togliermi i dubbi sempre

  4. zalex5 ha risposto:
    19 dicembre 2017

    Le tempistiche sono quelle. Tieni presente che i metabolismi lavorano sempre tutti insieme (anche se ovviamente in percentuali diverse) e che le capacità di recupero e di ripristino di ognuno dipendono fortemente dal tuo condizionamento (quindi il fatto che dopo un certo periodo di tempo tu abbia o meno recuperato dipende un po' dal tuo livello e dal tuo grado di affaticamento).

  5. Ceccherini ha risposto:
    27 dicembre 2017

    Nei programmi di atletica leggera la velocità e la resistenza alla velocità si allenano in 2-3 sedute la settimana, preferibilmente con almeno 1 giorno leggero tra le sessioni.
    Visto che per te non sono un lavoro specifico, farei 2 sedute.

    Per le salite 4% va benone.

    Volumi: comincia con 300-400 metri totali a seduta e incrementa pian piano senza superare i 600 metri.

    Per i metabolismi: entro 1 7 secondi il lavoro è principalmente anaerobico alattacido, oltre il metabolismo lattacido diventa sempre più preponderante. Fossi in te lo eviterei, soprattutto visto il genere di allenamenti che fai.

Pagine totali: 1 [1 ]

Per lasciare un commento devi essere registrato. Se possiedi un account effettua il login, altrimenti iscriviti subito!